Sampaoli Danza

Scuola di Ballo e Danza a Torino

L’estate è alle porte, prepariamoci ad accoglierla al suon di musica e di ballo latino americano.

Anche se la nostra città di appartenenza è Torino, quindi il mare non è proprio facilmente raggiungibile, il calore e la gioia dell’estate in ogni caso riempirà di vitalità e ardore il nostro animo, allora non esitiamo, iscriviamoci al più presto a un corso di ballo latino americano a Torino per viverla alla grande.

Tra le tante opportunità di scuola di danza latino americano a Torino dove potersi iscrivere, una in particolar modo ha attirato la mia personale attenzione, si tratta della “Scuola di Ballo e Danza Timba Tumba Dance Academy”.

Il motivo di questa preferenza per la scuola di danza e ballo di latino americano, è dovuta a due fattori, il primo che, molte coppie mie amiche, che la frequentano o l’hanno frequentata, in poco tempo sono diventati dei provetti ballerini, la seconda di ordine logistico, infatti, abitando in Corso Vittorio Emanuele II, mi risulta molto facile raggiungerla, trovandosi la Scuola di Danza e Ballo.

Prima di decidere però per questa scuola di danza, mi sono recato sul suo sito(www.scuoladiballosampaoli.com), al fine di reperire ulteriori e più dettagliate informazioni, sia sui corsi sia sugli orari.

Nel visitare le varie pagine del sito, ho immediatamente notato oltre alla chiarezza delle informazioni e delle spiegazioni tecniche e dei benefici per “mantenersi” in piena forma di questa o quella disciplina, anche i vari locali che compongono la scuola di danza, in verità tutti molto accoglienti e funzionali, inoltre, la scuola di danza è dotata anche di una saletta di attesa con tv.

I corsi di danza tenuti dalla “Scuola di ballo Sampaoli”, non si limitano solo al latino americano, ma spaziano dalla tanto di moda e attuale zumba fitness, ai ritmi africani caraibici, come salsa bachata, corsi questi ultimi in cui è possibile partecipare anche a gare agonistiche della “Federazione Italiana Danza Sportiva (FIDS) “.

In conclusione, per il nostro ballo latino americano a Torino, la scelta doverosa e obbligata è” Scuola di ballo Sampaoli”, per chiunque volesse ulteriori informazioni può recarsi sul sito(www.scuoladiballosampaoli.com).

mauro laus

Mauro Laus, appello contro le nuove dittature

Toccante, sincero, profondo. E soprattutto attuale. Così si può definire la riflessione/appello di Mauro Laus nella Giornata della Memoria, che lo scorso 27 gennaio a molti è sembrata una celebrazione più necessaria che mai.

Una lucida constatazione, la presa di coscienza, amara, di un oblio sull’orlo di inghiottire la Memoria. Memoria con la M maiuscola, per il rispetto che si dovrebbe portare alle vittime dell’Olocausto, ma anche a noi stessi, e ai nostri figli, perché se dimentichiamo loro, scivoliamo in un baratro pericoloso nel quale tiranni e abusi possono riscrivere pagine atroci di storia.

A volte gli orrori ritornano

Passano i giorni ma la riflessione del presidente del Consiglio regionale del Piemonte e del Comitato diritti umani, Mauro Laus, viene resa ogni giorno più attuale dagli eventi.
Il tiranno c’è stato, e nulla oggi pare garantirci che non tornerà. Perché i tiranni esistono, e solo l’efficace baluardo di un’intera società decisa a combatterli può fermarli. Questo quello che ha dichiarato Mauro Laus,
riferendosi a chi di dovere. Comuni cittadini e istituzioni, gli uni e gli altri adagiati in una pericolosa illusione di sicurezza.

Tutti dobbiamo vigilare

Pochi oggi ci pensano, ma il nazismo ha avuto un battesimo democratico.
Un mostro abbigliato in una veste intessuta di orgoglio nazionalistico, di entusiasmo per creare un domani migliore e di fiducia nel potere della volontà. Ma presto la veste è caduta, e il domani migliore è diventato una realtà intrisa di sangue e del più bieco razzismo.
Dapprima a passi più piccoli, la Notte dei Cristalli, la Notte dei Lunghi Coltelli, poi nella corsa sfrenata verso la guerra e l’Olocausto.

E oggi? E domani? Siamo ancora in grado di ricordare e di riconoscere i sintomi che annunciano il tiranno? Di capire che il mostro getta la maschera solo quando sa che nessuno può più fermarlo?

Un appello, questa volta a Lei, che occupa con vera coscienza il ruolo di presidente del Comitato diritti umani: signor Mauro Laus, ce lo ricordi tutti i giorni che non dobbiamo dimenticare. Perché ce n’è così bisogno. Prima che sia troppo tardi un’altra volta.

erba spaccapietre

Depurazione Fegato e coliche Renali : integratore spaccapietra

L’integratore spaccapietra contiene i principi attivi dell’erba selvatica omonima, che solitamente cresce sui muri antichi.

Da questa sua caratteristica prende il nome, ma la sua “azione distruttiva” non si ferma solo ai muri, ma continua anche rispetto ai calcoli renali insieme alla funzione depurativa nei confronti di un organo importante come il fegato.

L’erba spaccapietra da cui si ricava l’integratore alimentare, cresce nelle zone con un clima caldo umido e le sue proprietà curative sono note fin dai tempi antichi.

Alcune ricerche scientifiche hanno confermato la capacità di quest’erba sia di prevenire le coliche renali, quindi la formazione dei calcoli, che di curarle, quando queste manifestano i tipici sintomi con spasmi, dolore urente e sofferenza nell’eliminare le urine.

Tisana contro i calcoli renali

L’erba spaccapietra e le coliche renali

Per scongiurare le coliche renali nei soggetti che ne soffrono e per curarsi quando queste si manifestano in tutta la loro gravità che provoca un dolore paragonato a quello del parto, l’integratore spaccapietra viene in aiuto in modo naturale con un’ erba che ha delle grandi proprietà curative.

E’ sufficiente assumere prima dei pasti principali, quindi per 3 volte al giorno, la dose consigliata sulle confezioni per avere questo e molti altri effetti benefici.

L’erba spaccapietra ha la capacità di impedire l’aggregazione dei cristalli che vanno a formare i calcoli e, quando invece si sono formati, favorisce la loro eliminazione riducendoli in porzioni più piccole.

Uno dei disturbi associati alle coliche renali è proprio la difficoltà a urinare, e con l’integratore spaccapietra sarà più semplice riprendere questa funzionalità essenziale. L’erba, infatti, ha un forte potete diuretico che aiuta anche coloro che sono affetti da insufficienza renale.

L’integratore spaccapietra va assunto per un periodo limitato dai 7 ai 10 giorni e con il giusto dosaggio. Trascorso tale periodo, si avrà certamente la guarigione senza assumere ulteriori farmaci, che invece agiscono negativamente sulla funzionalità del fegato.

La depurazione del fegato con l’integratore spaccapietra

depurare-sangue1Il fegato insieme ai reni svolge la funzione indispensabile di depurare l’organismo, ma se si segue una dieta disordinata, ipercalorica e ricca di grassi animali, abusando di alcoolici, si rischia l’insufficienza epatica e in alcuni casi, la cirrosi, il cancro fino alla necessità di un trapianto.

Per tenere in buona salute il fegato è necessaria una depurazione periodica, che può essere fatta con l’alimentazione ricca di frutta e verdura, ma soprattutto con l’integratore spaccapietra.
Le scorie che si accumulano in quest’organo vengono gradualmente eliminate, migliorando la funzionalità epatica, con un benessere generale per tutto l’organismo.

Ricordate che l’integratore spaccapietra è utile anche per abbassare i livelli di zuccheri nel sangue e quelli del colesterolo, quindi consigliabile sia ai diabetici, ma sotto controllo medico, che per prevenire gravi malattie cardiovascolari.

laus e le varie iniziative

Dall’islamismo alla Fattoria in Città

Mauro Laus, al rientro dalle vacanze forzate, ha deciso di prendere parte a diverse tipologie di attività e progetti che gli hanno permesso di rafforzare il suo ruolo come Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte.

 

Mauro Laus attivo per l’islamismo

Conoscere e far conoscere l’islamismo alla popolazione piemontese prima e poi a quella di tutta Italia rappresenta uno degli obiettivi che, il presidente del Consiglio Regionale Mauro Laus, pare voglia far raggiungere ai cittadini della suddetta regione.
Questo grazie al progetto scolastico relativo all’Islamismo, il quale risulta essere una delle tematiche che riguardano la regione del Piemonte ed uno dei progetti maggiormente sentiti da parte del Presidente stesso.
Laus ha infatti spiegato che, uno degli obiettivi di maggior importanza che vuole raggiungere, consiste proprio nel fare in modo che, la popolazione stessa, possa riuscire a comprendere ed essere maggiormente tollerante nei confronti delle persone di religione islamiche, le quali spesso vengono etichettate come nemico pubblico da sconfiggere in maniera radicale.
Laus ha quindi cercato di porre rimedio ad una situazione che sembra essere pronta ad esplodere in Piemonte, in maniera tale che la convivenza tra persone differenti possa essere sempre presente e possa essere un elemento di cui tutti vanno fieri e sono felici.

 

La Fattoria in Città

Altro progetto che ha visto protagonista Laus è stato quello relativo alla Fattoria in Citta, ovvero la realizzazione di un piccolo spazio a Torino dove, l’agricoltura e l’allevamento, sono i veri protagonisti della manifestazione.
Anche questo particolare progetto è stato voluto da Laus, il quale ha sostenuto che, in questo modo, sarà possibile poter avere un rapporto migliore col settore primario, il quale risulta essere uno di quelli maggiormente sottovalutati sul suolo italiano.
Proprio con questo progetto Laus tenterà di dare una nuova vita a tale tipologia di settore, in maniera tale che, la popolazione del Piemonte, possa apprezzare la bellezza che contraddistingue tale settore e soprattutto la soddisfazione che deriva da tale tipologia di settore.

 

Laus ed i suoi diversi impegni

laus e le varie iniziativeLaus pare sia in grado di prendere parte anche a tantissime altre iniziative, le quali potrebbero avere una grande importanza sul suolo Piemontese.
Laus quindi cerca di attivare diversi progetti in maniera tale che, i suddetti, possano essere vissuti in maniera completa da parte della popolazione in ogni suo aspetto.
Grazie all’intervento di Laus, il Piemonte sta riuscendo a distinguersi per il grandissimo numero di iniziative che, col passare del tempo, potrebbero aumentare, visto che lo stesso Laus approva, in maniera particolare, i tanti progetti che vengono studiati nel dettaglio e che riescono a coinvolgere tutta la popolazione che risiede sul suolo della regione Piemonte.

impotenza

Le cure mediche per la disfunzione erettile

La disfunzione erettile ha cause sia organiche che psicologiche ed è per questo che, nel caso un uomo presenti questo problema, dovrà considerare entrambi dopo accurati controlli medici.
Si può parlare di disfunzione erettile quando ripetutamente non si riesce a raggiungere un’erezione soddisfacente e si hanno problemi con l’eiaculazione o con il raggiungimento dell’orgasmo.
Bisogna quindi rivolgersi prima al medico di famiglia che poi indirizzerà in base allo stato generale di salute del paziente, verso l’andrologo o l’endocrinologo oppure entrambi.
Si tratta infatti di indagare su quali possono essere le cause fisiche.
Gli esami da fare consistono nel dosaggio ormonale, per verificare i livelli di testosterone. E’ una causa che si riscontra soltanto nei 5% degli uomini con disfunzione erettile e, se è presente, il medico può decidere di prescrivere una terapia integrativa.
Lo stesso discorso vale per i livelli di prolattina che sono coinvolti nel processo dell’erezione e del completamento del rapporto sessuale. Anche in questo caso si può fare una cura per riportare i livelli alla normalità.
A seguito invece degli esami del sangue, si può indagare anche sui livelli ormonali e sul funzionamento della ghiandola tiroidea e di quella surrenale.
Gli equilibri del nostro organismo sono, infatti, regolati dalle ghiandole che secernono gli ormoni sufficienti anche per l’attività sessuale maschile. Anche in tal caso, in base ai risultati, si può prevedere che una terapia farmacologica che possa risolvere il problema.

 

Il buon funzionamento del sistema cardio circolatorio
Le visite mediche mirano anche verificare lo stato generale di salute legato anche al sistema cardio circolatorio e alla presenza di patologie ad esso correlate, come l’ipertensione, l’aterosclerosi, il diabete e le altre patologie dismetaboliche, come il colesterolo e i trigliceridi alti. Anche in questo caso esistono delle cure che possono regolare i valori e attenuare il disturbo, tenendo in considerazione l’età e altre patologie eventualmente associate.

 

I test funzionali
L’andrologo può anche verificare le cause della disfunzione erettile con i test delle erezioni notturne, per escludere che ci sia una causa organica o diagnosticare il contrario.

 

La terapia psicologica
<img class="alignleft size-medium wp-image-247" alt="disfunzione" src="http://www.educaresponsabile.it/wp-content/uploads/2016/05/trattamento-disfunzione-erettile-ed-impotenza-in-capsule-300×300.jpg" width="300" height="300" srcset="http://www.educaresponsabile.it/wp-content/uploads/2016/05/trattamento-disfunzione-erettile-ed-impotenza-in-capsule-300×300.jpg 300w, http://www.educaresponsabile.it/wp-content/uploads/2016/05/trattamento-disfunzione-erettile-ed-impotenza-in-capsule-150×150.jpg 150w, http://www.educaresponsabile.it/wp-content/uploads/2016/05/trattamento-disfunzione-erettile-ed-impotenza-in-capsule-624×624.jpg 624w, http://www.educaresponsabile cialis canada.it/wp-content/uploads/2016/05/trattamento-disfunzione-erettile-ed-impotenza-in-capsule.jpg 800w” sizes=”(max-width: 300px) 100vw, 300px” />E’ fondamentale una terapia psicologica individuale o di coppia, se la situazione lo richiede, anche nel che le cause siano esclusivamente organiche.
L’approccio cognitivo-comportamentale nella terapia individuale è quello più idoneo nei casi in cui il soggetto soffre di ansia da prestazione, depressione o abbia subito un trauma emotivo.
La durata è sempre relativa al singolo caso, come accade anche nella terapia di coppia e in presenza di forti conflitti, mancanza di comunicazione, stress. Alla terapia di coppia si può associare anche quella sessuale presso uno studio dove ci sono professionisti specializzati nel trattamento dei problemi nella sfera intima.
L”associazione di cure mediche e psicologiche ha un’alta percentuale di successo, anche nella disfunzione erettile grave.

Sicurezza sul lavoro

Il testo del Decreto Legislativo n. 81 – Circolare n.22 del 29 luglio 2015

La sicurezza nei luoghi di lavoro

La sicurezza nei luoghi di lavoro è un tema da sempre molto dibattuto nel nostro paese: si pensi che nel solo anno 2014 si sono registrate oltre mille morti cosiddette “bianche”. Queste morti sono definite del colore bianco, quello della purezza, proprio perchè avvenute sul luogo di lavoro: non si può perdere la vita mentre si sta svolgendo il proprio mestiere ed il datore di lavoro ha l’obbligo etico, morale e giuridico di garantire la massima sicurezza dei luoghi ove operai, artigiani e dipendenti prestano il loro servizio.

Decreto Legislativo n.81/2008

sicurezza_lavoro

In Italia il testo di riferimento sul tema della sicurezza del lavoro è il Decrete Legislativo n. 81 del 2008, definito proprio Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro. Questo testa legifera in maniera puntuale e dettagliata tutto il tema della sicurezza sul lavoro: dagli obblighi del datore di lavoro alla valutazione dei rischi, dalla formazione, l’informazione e l’addestramento dei lavoratori fino alla gestione delle emergenze. Naturalmente un’intera sezione è dedicata alle disposizioni penale e alle sanzioni cui si va incontro se non si rispettano tali disposizioni di legge.

Titoli III-IV- V

I titoli III, IV e V del Decreto Legislativo n. 81 del 2008 sono dedicati rispettivamente all’uso delle attrezzature di lavoro e delle protezioni individuali, ai cantieri temporanei e mobili e alla segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro: fanno riferimento a questi titoli e relative sezioni del Decreto tutti i cantieri edili, i lavori di scavi, costruzione di ponti e ponteggi di ogni tipo e anche le demolizioni e gli smantellamenti.

Titoli IX e X

Particolare importanza rivestono i Titoli IX e X del Decreto: essi legiferano infatti sull’utilizzo di sostanze pericolose e sull’esposizione agli agenti biologici. La maggior parte delle cosiddette morti bianche avviene infatti proprio per questi motivi. Sono già noti, purtroppo, i numerosi casi di esposizione all’amianto e a polveri sottili tossiche. Gli agenti biologici riguardano invece in particolare i laboratori, le strtutture sanitarie e quelle veterinarie.

Circolare n.22 del 29 luglio 2015

Naturalmente il Decreto Legislativo n.81 del 2008 è in costante aggiornamento. Ogni anno vengono apportate modifiche minime o sostanziali, che possono essere apprese sul sito del Ministero del Lavoro. Al seguente link si può trovare il Testo Unico aggiornato con tutte le modifiche: http://www.lavoro.gov.it/SicurezzaLavoro/MS/Normativa/Documents/TU%2081-08%20-%20Ed.%20Settembre%202015.pdf

Tra le modifiche più recenti del Decreto n.81 c’è la circolare n.22 del 29 luglio 2015: questa circolare è stata sottoscritta per fornire chiarimenti sul D.I. 11 aprile 2011, riguardante le modalità di effettuazione delle verifiche periodiche ed in particolare sui soggetti abilitati all’effettuazioni di tali verifiche.

La circolare chiarisce nello specifico che l’idoneità dei verificatori si acquisisce seguendo un’attività di addestramento con un tutor cui affiancarsi nella verifica delle attrezzature.

Una materia davvero molto complessa che il D.Lgs. n.81 del 2008 e le sue successive modifiche e integrazioni regolano perfettamente e a cui tutti i datori di lavoro devono attenersi scrupolosamente.

Aziende per la formazione in sicurezza sul lavoro

La ditta TINI snc è una società di professionisti operante nei settori PROGETTAZIONE, SICUREZZA E FORMAZIONE in grado di fornire un global service alla committenza. Puoi visitare la pagina dei corsi , che la ditta Tini svolge sul territorio Piemontese , pagina dei corsi a Novara – Torino – Chivasso – Ivrea – Cuneo – Asti – Vercelli

vendita farmaci on line

Un passo in avanti con le farmacie on line

vendita farmaci on lineNel corso del 2014 gli acquisti compiuti dagli italiani nelle farmacie online sono aumentati del 28%, stando ai dati svelati da Netcomm. Il segnale è evidente: l’e-commerce è una forma di acquisto sempre più apprezzata anche nel nostro Paese, dove fino a qualche tempo fa stentava ad imporsi.

Cosa si cela dietro la crescita delle vendite online

A frenare l’acquisto di farmaci on line erano in primis i dubbi che riguardavano la qualità dei prodotti messi in vendita, insieme alle remore che coinvolgono l’intero settore degli acquisti online, vale a dire l’effettiva sicurezza delle diverse modalità di pagamento. Questi ostacoli si possono dire ormai superati visti i numeri in netta crescita, non solo per quanto concerne i medicinali, ma del mercato online nella sua interezza.

Buona parte del merito è del cosiddetto “web 2.0”: su internet ormai è possibile acquistare qualunque cosa, lo si può fare risparmiando (senza però perdere nulla in fatto di qualità dei prodotti) e soprattutto lo si può fare comodamente da casa, non soltanto tramite pc ma anche attraverso dispositivi mobili.

Lo sviluppo delle farmacie online italiane

I volumi delle vendite delle farmacie online italiane hanno fatto registrare una crescita consistente nel 2014, offrendo sempre maggiore affidabilità e sicurezza per quanto concerne l’acquisto di articoli sanitari, prodotti cosmetici e integratori alimentari. E guardando al futuro, il ruolo delle farmacie online italiane raggiungerà ancora più importanza, dato che proprio nel 2014 il Consiglio dei Ministri ha approvato una direttiva europea del 2011 che permette di vendere online i farmaci da banco, vale a dire tutti quei farmaci per i quali non è necessaria una ricetta medica. L’unico vincolo è che a vendere tali farmaci attraverso il web sia una farmacia, oppure una parafarmacia, riconosciuta pienamente dal Ministero della Salute e che, dunque, disponga già dell’autorizzazione per la vendita di farmaci sul territorio italiano. Tramite questa direttiva, i cittadini godranno di maggiori garanzie nel momento in cui acquisteranno farmaci online.

Combattere l’illegalità

L’approvazione della direttiva europea è stato un passo avanti di una certa importanza nella lotta all’illegalità, estremamente pericolosa in questo settore. I siti delle farmacie riconosciute dal Ministero sono dotati di un logo identificativo che permette di distinguerli dai siti non riconosciuti, che di conseguenza sono meno sicuri per coloro che vogliono acquistare farmaci.

I prodotti che si possono acquistare nelle farmacie online appartengono a diverse categorie, dai cosmetici agli integratori, passando per prodotti dedicati alla prima infanzia e articoli sanitari, fino ad arrivare a un discreto numero di prodotti veterinari. Il passo successivo è quello di equiparare l’Italia ad altri Paesi europei, dove già adesso è possibile acquistare pure i farmaci per i quali è richiesta una prescrizione medica, dando così un ulteriore colpo al mercato illegale.

seo-webmarketing

Il posizionamento e la consulenza SEO

Che cosa vuol dire, oggi, possedere un sito web? Certamente il sito web è l’immagine che l’impresa offre di sé in tutto il mondo, è la vetrina virtuale che possiamo sempre trovare nella via centrale di tutte le città del globo, piccola o grande che sia, è la più prossima estensione degli uffici dove si trova la propria sede fisica. Quindi, visto che avere un sito internet, a parità di visibilità, è il modo per fare pubblicità più economico che ci sia, il sito deve attrarre tanti nuovi potenziali clienti a conoscere i servizi e i prodotti venduti da quell’azienda per aumentare il ritorno dell’investimento. Ma come possiamo raggiungere quest’obbiettivo? Come si può fare in modo che sempre più utenti visitino il sito da qualsiasi tipo di dispositivo multimediale possiedano e ne parlino tra di loro via mail, sui forum e sui social network?

La consulenza del SEO

Per un web site appena fatto è perciò fondamentale rientrare nei primi posti dei risultati di ricerca su Google, vicino ai siti dei competitors di quell’impresa, per crescere e venire scelto dagli utenti. seo-webmarketingQuesto è proprio l’argomento principale che offre e di cui si occupa la consulenza del SEO professionale. Per iniziare con il piede giusto è necessario studiare attentamente gli argomenti e sondare il terreno su cui ci si confronta, bisogna poi anche capire che per alcuni siti piuttosto che per altri è molto più semplice ottenere un posto tra i primi. In secondo luogo solamente con uno studio preciso ed approfondito delle parole chiave e accettando qualche compromesso, come ad esempio il contenimento della visibilità solamente in un’area geograficamente circoscritta, si favorirà il raggiungimento dell’obbiettivo.

Il posizionamento

Per non mettere troppa carne al fuoco, parleremo solamente del posizionamento tra tutti i risultati organici di Google. Tutte le volte che scriviamo sulla barra degli indirizzi di qualsiasi browser una o più parole chiave, ci verrà restituita una pagina, denominata SERP, dove sono elencati tutti i siti che secondo criteri totalmente oscuri di pertinenza propri del motore di ricerca, hanno a che fare con quell’insieme di keywords, ordinati, da quello più importante a scalare, in gruppi di 10 risultati per ogni pagina. Il punteggio che verrà assegnato dal motore di ricerca ad una pagina web qualsiasi, e che determinerà la sua posizione tra i risultati è dato tutta una seri di parametri di cui la consulenza SEO tiene conto per riuscire ad ottimizzare quella pagina web specifica per renderla quindi più visibile e più pertinente.

I contenuti originali

Il web premia sempre la ricchezza e l’originalità di informazioni, quindi una pagina web composta da contenuti originali e non uguali ad altri siti, non è rilevante se siano del medesimo proprietario o meno, avrà una valenza più alta rispetto ad un’altra con la funzione di aggregatore di contenuti che vengono da altre pagine dello stesso sito o differenti. Lo stesso discorso ovviamente vale per tutte le immagini pubblicate sul sito, devono avere attributi e TAG originali. Fate attenzione ai contenuti dinamici, quelli che cambiano senza che vi sia interazione da parte dell’utente, automaticamente, perché ai motori di ricerca non vanno molto a genio, il nostro consiglio è quindi quello di limitarli agli slider grafici in home page.

Rivolgiti subito agli esperti di costruzione siti web Torino per un preventivo!

studio legale torino

Affidarsi a mani esperte per recuperare i crediti

studio legale torinoE’ sempre accaduto, a maggior ragione oggi che viviamo in un’epoca di crisi economica strisciante, che molte persone si trovino nella condizione di non riuscire a pagare i propri insoluti.

Questa situazione risulta essere maggiormente dannosa per il creditore, piuttosto che per la persona debitrice. Nei casi in cui il debito non risulti essere recuperabile tramite le vie ufficiali di mediazione, il creditore avrà a disposizione molte alternative per riuscire a risolvere il problema.

A chi rivolgersi per il recupero crediti?

Sono molte le società che si offrono di attivare l’iter procedurale per un recupero creditisi propongono per questo lavoro anche molte agenzie private presenti o meno sulla rete. Tuttavia, visto la delicatezza dell’argomento, soprattutto in relazione all’ammontare della cifra del debito, è sempre meglio e consigliabile per tutti rivolgersi ad un avvocato o a uno studio legale, proprio per non correre rischi di alcun tipo.

Infatti, molte volte queste società o pseudo tali si offrono di risolvere questo determinato tipo di problema, promettendo risultati immediati a costi bassi, ma nella maggior parte dei casi esse si dimostrano poco affidabili e professionali, a differenza degli studi legali riconosciuti ufficialmente.

Come funziona il recupero crediti

In generale l’iter per il recupero crediti si divide in più passi: innanzitutto si inizierà mandando una lettera di notifica e diffida della situazione debitoria esistente, cercando una mediazione con la persona debitrice.

Se il primo tentativo non porterà ad un risultato concreto, si procederà con una lettera che conterrà un’intimazione ufficiale di pagamento del debito, entro un limite massimo specifico a livello temporale. Qualora anche questo tentativo non andrà a buon fine, l’avvocato della persona creditrice attiverà un procedimento giuridico che, qualora dimostrasse l’esistenza delle condizioni di mancato pagamento, porterà il giudice a pronunciare un decreto ingiuntivo ufficiale di pagamento, che comprenda nel suo calcolo anche gli interessi maturati sul debito pregresso.

I costi per il recupero dei crediti

Per quanto riguarda i costi economici , derivanti dal lavoro svolto dall’avvocato o dallo studio legale di riferimento e che il cliente andrà ad affrontare, bisogna specificare che ogni caso è soggettivo sia per quel che riguarda il credito in questione, che le condizioni per cui esso è maturato.

In generale i costi, che comprendono sia le operazioni di diffida che quelle giudiziarie, sono variabili. Essi infatti partono da un minimo di 500 fino ad un massimo di 1.000 euro per i debiti che vanno da 1.200 fino a 55.000 euro, mentre per i debiti che vanno da 55.000 a 550.000 euro il costo da sostenere varia da un minimo di 350 fino ad un massimo di 3.500 euro per il recupero crediti delle cifre più alte previste.

ristrutturazioni chiavi in mano

ristrutturazioni chiavi in mano a Torino

Chi possiede un immobile e non intende rinunciarvi per un altro nuovo, ma invece cerca
un’azienda di fiducia che sia in grado di ristrutturarlo ed adibirlo a dimora, ufficio o qualsiasi altra destinazione, deve affrontare il problema di usare tempo prezioso per trovare aziende specializzate nei vari settori, che possano portare il suo progetto dalla fase iniziale a quella finale.

ristrutturazioni chiavi in mano

Non è comodo, né utile visitare un’azienda dopo l’altra, alla ricerca di perso

ne affidabili e specialisti che sappiano pianificare il lavoro che si vuole fare, progettando, scegliendo il materiale migliore, realizzando l’opera di ristrutturazione, fino ad arrivare all’arredamento completo ed all’abitabilità con chiavi in mano al diretto proprietario.

Le ristrutturazioni chiavi in mano Torino, che possiamo trovare in tutta la loro completezza e innovazione al sito http://www.satoritalia.it , da anni studiano e si aggiornano per offrire servizi sempre attenti e precisi per i loro clienti.

Il team di un’unica azienda si avvale di architetti, ingegneri e operai montatori, che permettono alla Sator di soddisfare il cliente con ogni soluzione; la più idonea alle sue esigenze e aspettative. L’azienda che funge da General Contractor è in grado di partire da un progetto di ristrutturazione e procedere nella stessa, senza dimenticare le sue caratteristiche.

Ogni spazio, ogni soluzione illuminotecnica e ogni progetto di design coinvolge più figure specializzate, dall’architetto al cliente con i suoi desideri, in un connubio che combina alla perfezione la funzionalità innovativa e tecnologica e la bellezza dell’eleganza di un tempo passato.

Ogni progetto e idea proposti dal cliente, vengono studiati e rielaborati da persone esperte, che in un team di alta conoscenza e precisione passa dall’idea alla realizzazione pratica. Le figure lavorative si completano con artigiani della muratura, impiantistica, falegnameria per soddisfare qualsiasi altra specifica esigenza di studio e di restauro, nel rispetto del lavoro offerto e delle esigenze del cliente.